lunedì 29 febbraio 2016

IL TEATRO di Bernardo Lanzetti-2° parte


Nel 1988, in occasione del "Festival Due Dimensioni", alla sua prima esperienza al Teatro 2 di Parma, anche il sottoscritto Bernardo Lanzetti si "faceva in due".
Terminate le prove de "L'Opera da tre Soldi" in una delle sale, ecco che mi precipitavo nella sala accanto per il "Porgy & Bess".
Dal mondo Brechtiano (anche se l'opera era in Italiano), in un attimo, si passava al blues sinfonico di Gershwin in lingua originale del profondo sud confederato.
Durante le prove de "L'Opera da tre soldi", in un passaggio orchestrale "PP-pianissimo" smisi di cantare perché assolutamente convinto che l'abbassamento improvviso di volume fosse causato da un'interruzione della corrente elettrica!
Nel Recital con Silvano Pantesco, interpretavo anche "Surabaya Johnny". Il fatto è che cantavo in tedesco, con un improbabile accento, un testo assolutamente femminile!


Durante le repliche del "Polifemo", poiché si era sul palco del Teatro Regio a piedi nudi, mi fu assegnato il camerino della "Soprano" essendo l'unico fornito di bidet e quindi utile per il lavaggio dei piedi dopo ogni spettacolo.
In "West Side Story", le parti femminili erano affidate alla cantante Candace Smith per cui si veniva a creare una curiosa situazione: l'italiano Bernardo cantava in americano la parte di Tony, mentre l'americana Candace cantava, con accento latino, la parte della portoricana Maria. Esilarante era vedere la perplessità del pubblico quando Maria, nelle parti recitate, mi metteva in guardia circa suo fratello che nell'opera si chiama giustappunto "Bernardo"!
Nel '97, per "Kaddish" dramma tratto dall'omonimo poema di Allen Ginsberg, il "Teatro Arsenale" mi chiese di musicare alcuni brani e di cantarli in scena mentre, per le parti strumentali, riuscii a coinvolgere Damiano Della Torre, un giovane polistrumentista di talento con cui all'epoca già collaboravo intensamente soprattutto in situazioni live. Alla prima teatrale ebbi l'onore di conoscere Fernanda Pivano delle cui traduzioni il lavoro si avvaleva.
Ora, esattamente 3 anni dopo la PFM arrivava ad una collaborazione con la Pivano ed inseriva Damiano nel suo organico.
Singolare è il fatto che da quel momento il Della Torre sembra aver perso i miei recapiti.
A metà degli anni '80, pensai un manifesto in occasione di un mio tour nelle birrerie.
Poiché, insieme al chitarrista Marco Colombo, veniva privilegiato un repertorio Rock ma ci si avvaleva di mezzi elettronici -per l'epoca- molto avanzati, feci realizzare un manifesto, in bianco e nero, ispirandomi ad una foto dello scrittore William Burroughs. Fu così che venni fotografato vestito con giacca, cravatta e cappello esattamente come l'anziano Bill. Esattamente come 15 anni dopo nel lavoro teatrale Mr.Burroughs/Mr. Bladerunner!



Prometto di procurare la foto di quel manifesto.
Bernardo Lanzetti


Cast Mister O

Recital con Silvano Pantesco





Nessun commento:

Posta un commento